2017-08-12 10:37:26
Come scrivere una cold e-mail
Vuoi evitare che le tue cold e-mail siano viste come spam? Ecco le best practices per scrivere cold e-mail efficaci

Le regole d'oro per la stesura di una cold e-mail

Abbiamo da poco visto cosa sono le cold e-mail e a cosa servono; ma come scriverne una? Ecco alcune regole d'oro per preparare una cold e-mail efficace e che ti eviteranno la fastidiosa etichetta di "spam".

COLD E-MAIL: IDENTIFICATI

Inutile nascondersi o cercare di ingannare: di' chiaramente chi sei e metti in evidenza i tuoi contatti. Come?

  • I campi "Da" e "Rispondi a" devono identificare chi sei: non usare pseudonimi o indirizzi generici, ma nome, cognome e contatto e-mail che ti rappresentino e parlanti (es. Pinco Pallino, info@pincopallino.it);
  • Inserisci i tuoi contatti, comprensivi di numero di telefono e di indirizzo di lavoro: sia che lavori in azienda, sia che sei un libero professionista, per renderti autorevole è bene che riporti non solo il tuo numero di telefono (se c'è anche un fisso, tanto meglio), ma anche il tuo "business address", l'indirizzo fisico del luogo in cui lavori. Perché? Molto semplice: serve a identificarti meglio e trasmette serietà. E non dimenticare il link al sito web, tuo o della tua azienda. Dove mettere questi contatti? Consigliamo di impostare una firma semplice e chiara;
  • Nel testo, subito dopo il saluto usa una riga per presentarti: "Salve, mi chiamo Michele e sono il CEO di Pinco Pallino Agency. Ho visto che hai commentato il blog di Superman e...". Non dilungarti troppo; dai l'input essenziale, e solleva l'interesse sufficiente a far sì che una persona sia stimolata a cliccare sul link al tuo sito per saperne di più, o meglio ancora a contattarti direttamente.

COLD E-MAIL: USA UN OGGETTO VERITIERO

Oggetti come "Per te", "Alla tua attenzione", "Leggi di più" innalzano il rischio del cestino immediato. Sii sincero, con te stesso e con il prospect: l'oggetto deve sintetizzare la ragione del tuo contatto, ma lo devi pensare avvalendoti delle giuste tecniche di marketing così da catturare l'attenzione. Qualche esempio generico:

  • PincoPallo, il nuovo tool di project management;
  • Annunciate le date della fiera del'acciaio;
  • Contatto per nuova collaborazione.

Se ti sembrano banali, ricorda: l'oggetto deve essere in piena armonia con il contenuto, altrimenti perde ogni credibilità.

COLD E-MAIL: COME SCRIVERE CONTENUTI VINCENTI

E ora veniamo alla parte più difficile, non solo per le cold e-mail, ma per tutte le mail in generale: come scrivere un contenuto accattivante e che stimoli la lettura. Nel caso specifico delle cold e-mail, ecco come agire:

  • Arriva subito al dunque: dopo una brevissima riga di presentazione (vedi esempio sopra riportato), spiega subito come hai trovato il contatto della persona e per quali ragioni le stai scrivendo. Motiva bene la tua "intrusione" senza cadere nel pesante o nell'insistente;
  • Sii breve: evita papiri, e concentra ciò che vuoi dire in massimo 3 -  4 brevi paragrafi;
  • Mettiti nei panni del ricevente: sei sicuro che il tuo approccio sia in linea con la tipologia di prospect? Stai usando un linguaggio a lui consono? Sei certo di non infastidirlo?
  • Parla come mangi: non usare paroloni o tecniche poetiche da grande autore dell'800. Sii semplicemente te stesso, con il tuo modo di parlare e con le tue espressioni caratteristiche;
  • Personalizza: se non puoi farlo in automatico, fallo in manuale ma cerca di personalizzare al massimo il messaggio, partendo dal nome del prospect nel saluto: "Ciao Laura, sono Michele, CEO di ...";
  • Evita l'uso di immagini: nel caso delle cold e-mail, le immagini rischiano di appesantire il contenuto e di far sembrare il messaggio una mossa di e-mail marketing;
  • Chidi con una domanda: frasi come "spero di non averti disturbato", "mi auguro di risentirti presto" generalmente non funzionano. Già che sei stato bravo a catturare l'attenzione, tienila alta con una domanda: "Cosa pensi del mio prodotto? Hai dei consigli in merito?", "Ti sei mai trovato in questa situazione?" etc: è un ottimo modo per iniziare una conversazione.

COLD E-MAIL: POSSIBILITÀ DI ESSERE RIMOSSI DALLA MAILING LIST

In una cold e-mail, a differenza dell'e-mail marketing, non hai l'obbligo di inserire un link per la cancellazione. Offri però questa possibilità, semplicemente con una frase del tipo: "Per favore, se non desideri ricevere ulteriori comunicazioni fammelo sapere semplicemente rispondendo a questa e-mail", oppure con un PS alla fine del testo ("PS: se non sei la persona giusta per questo servizio, fammelo sapere"). E, ovviamente, se un utente ti chiede di essere rimosso dalla tua mailing list, fallo immediatamente: non contattarlo più se non vuoi giocartelo per sempre!

COLD E-MAIL: FOLLOW UP

Se i tuoi prospect non rispondono, non mollare la presa: insisti programmandoti ad esempio un invio bisettimanale. Questo perché non è detto che se uno non risponda non sia interessato: magari semplicemente non ha tempo, oppure si dimentica. E allora stagli addosso, ma senza trasmettere ansia e l'acceso desiderio di vendere a tutti i costi.

E se vuoi vedere qualche esempio di cold e-mail, dai un'occhiata al sito GoodSalesEmails (in lingua inglese).

Autore: Claudia Martinelli
Post dal Blog: Email Marketing
406 persone hanno letto questo post.
ALTRI BLOG
Card e Tessere
Email Marketing
Essere Web Agency
Web per Professionisti, PMI e grandi aziende
AUTORI


OB2.IT - P.IVA - 02948750985
Sito conforme al prov. n. 229 - 08/05/2014 Codice Privacy in quanto utilizza esclusivamente cookies tecnici
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001